MediaNews

Al via i progetti innovativi del secondo bando Bi-Rex

Dopo il successo del primo bando e l’inaugurazione della linea pilota, il Competence Center bolognese segna un ulteriore passo avanti, confermando il ruolo da protagonista nei processi di innovazione 4.0: sono 19 le aziende vincitrici del secondo bando, per metà PMI, provenienti da 4 regioni e 12 filiere industriali. Focus su 4 diverse aree tematiche.

CONDIVIDI:

COMUNICATO STAMPA

Un bando da 1,2 milioni di Euro, assegnato a 19 aziende di 12 filiere produttive diverse, provenienti da 4 regioni d’Italia per sviluppare 7 idee innovative di Industria 4.0, coinvolgendo 3 università e 1 ente di ricerca: sono questi i numeri della seconda call per la selezione di progetti di innovazione tecnologica delle imprese, realizzata da Bi-Rex, Competence Center di Bologna.

A conferma del ruolo strategico giocato da Bi-Rex nell’implementazione delle tecnologie abilitanti Industria 4.0, in particolar modo a seguito dell’inaugurazione della propria Linea Pilota avvenuta lo scorso 27 ottobre, il consorzio bolognese ha selezionato le 7 migliori idee ed iniziative, con l’obiettivo di realizzare progetti di Ricerca, Sviluppo e Innovazione orientate alla sperimentazione, prototipazione e adozione di soluzioni basate proprio sull’utilizzo di queste tecnologie: per ogni progetto vincitore sarà finanziato il 50%, fino ad una spesa di 200.000 Euro. I 7 progetti identificati interessano 4 aree tematiche: Sostenibilità e Responsabilità sociale; Sistemi avanzati per la gestione dei processi di produzione; Security e Blockchain; Robotica collaborativa warehousing e  automated guided vehicle.

Al momento la cifra complessiva destinata da Bi-Rex per l’implementazione di progetti relativi ai bandi cofinanziati con il Ministero dello Sviluppo Economico ammonta a 4.4 milioni di Euro, la più alta messa a disposizione da tutta la rete degli 8 Competence Center italiani – commenta Stefano Cattorini, Direttore Generale di Bi-Rex – attraverso questo secondo bando proseguiamo sulla strada della continuità rispetto a quanto implementato fino ad ora, al fine di supportare tutte quelle aziende che vedono nell’innovazione tecnologica e nella digitalizzazione una straordinaria opportunità e di contribuire alla crescita economica del tessuto produttivo nazionale. Il contesto attuale – prosegue Cattorini – è particolarmente complesso: Bi-Rex lancia un ulteriore segnale per dimostrare quanto possa essere strategico il ruolo di un Competence Center come il nostro”.

Anche in questo caso la necessità di innovare i modelli di business verso l’Industria 4.0 è stata avvertita in modo trasversale e diffuso dalle imprese: le 19 aziende vincitrici provengono da 4 regioni italiane (Emilia Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Campania) appartenenti a ben 12 diverse filiere di appartenenza (Servizi e Consulenza, Edilizia, Meccatronica, Packaging, ICT, Automotive, Batterie, Robotica, Logistica, Agrifood, Energia, Energie Rinnovabili). Esattamente come per il primo bando, quasi la metà (circa il 50%) delle beneficiarie sono PMI, a riprova di quanto la domanda di innovazione e tecnologia non sia una prerogativa riservata solo a grandi aziende e multinazionali.

La trasversalità si conferma uno degli elementi caratterizzanti dei nostri bandi – aggiunge Cattorini –. Le numerose idee pervenute spaziano all’interno di molti ambiti e abbiamo deciso di valorizzare questo aspetto. Visual Inspection per il controllo qualità, Ottimizzazione della gestione di sistemi agrovoltaici, Digital Twin Per Configurazione Di Linee Produttive, Automazione per Assemblaggio di Celle e Batterie al Litio sono esempi di alcune aree all’interno delle quali si svilupperanno i progetti, a testimonianza di come l’innovazione tecnologica possa supportare concretamente i bisogni e le esigenze di aziende afferenti a diversi settori merceologici”.

Le scelte di Bi-Rex sono state assunte in linea con i principi fondanti del consorzio: innovatività, qualità e ricadute economiche del progetto, inclusività delle PMI, valorizzazione dei progetti collaborativi tra pubblico e privato (ovvero presenza in partnership di più imprese con Università organismi ed enti di ricerca) sono stati considerati come principali criteri premiali nell’assegnazione delle risorse. L’elenco delle 19 aziende vincitrici è stato pubblicato sul sito di Bi-Rex, nell’apposita sezione relativa ai bandi.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA STAMPA RELATIVA A QUESTA NEWS